Chi siamo
Le insegne
la storia
Bibliografia
Link
La mostra
Lo statuto
Eventi
e-mail
News
Lettere al sito
Elenco  caduti
Reduci viventi
Le Medaglie
R. Giuridico
 Immagini
Filmati
Medaglia d'Onore
Chi lo conosce?
Reduci morti in patria
Storie
Storico eventi
Tesi tesine
lavori ragazzi
La D. Acqui Oggi
I nostri lutti

Nuovi libri
Notiziario

Link
La Divisione Acqui Oggi

LA DIVISIONE “ACQUI” NELLE SCUOLE


L’Esercito nel centenario della Grande Guerra e la legalità tra gli
studenti delle scuole napoletane 

San Giorgio a Cremano, 22 maggio 2018. Continua il progetto della Divisione “Acqui” in sinergia con diversi Istituti scolastici della città, per far conoscere tra i giovani sia le origini dell’Esercito Italiano sia il valore della legalità sul territorio dove vivono. L’intento del Comandante la Divisione Acqui, Gen. D. Fabio Polli, è stato quello di continuare il progetto legalità iniziato lo scorso anno, dal precedente Comandante, Gen. Div. Antonio Vittiglio, con conferenze per tracciare l’importanza delle Forze Armate e in particolare dell’Esercito Italiano, non solo nel solco del centenario della Grande Guerra, ma anche su alcune attività del territorio nazionale, come ad esempio con l’Operazione Strade Sicure.

Nell’ambito delle attività didattiche e di orientamento del percorso scolastico di alcune scuole dell’area napoletana, un team di soldati dell’Acqui supportati dalla responsabile ai progetti legalità di alcune scuole, la Dott.ssa Giancarla Minervini, ha divulgato nelle classi diversi valori, tra i quali: fiducia, coraggio, solidarietà, dignità e sacrificio.

Il progetto si è sviluppato nelle ultime tre settimane, ed ha visto il coinvolgimento di circa 3000 studenti, tra le diverse Scuole Primarie, Scuole Medie e Istituti Superiori della città di Napoli e provincia, di seguito l’elenco delle scuole:

Liceo “Livatino” di San Giovanni a Teduccio-Napoli; Scuola Primaria “S. Giuseppe” di Casalnuovo di Napoli (NA); Scuola Secondaria Statale “Solimena” di Barra-Napoli; Scuola Primaria “D’Orso” di San Giorgio a Cremano (NA); Scuola Media “Don Milani” di San Giorgio a Cremano (NA); Scuola Primaria e Media “Palasciano” di Pianura-Napoli; Scuola Primaria e Media “De Filippo Vico” di Arzano (NA).

L’attività si inserisce in un progetto più ampio che l’Esercito sta proponendo agli studenti negli anni in cui ricorre il Centenario della Grande Guerra, per ricordare quegli uomini nati tra il 1874 e il 1899 che tra gli angusti spazi delle trincee e le imponenti cime dei monti contribuirono in maniera decisiva all’unità nazionale, sacrificandosi con generosità e coraggio.

L’evento ha rappresentato un’ottima occasione per far accrescere nell’opinione pubblica presso le scuole dell’area napoletana la conoscenza della F.A. e per promuovere: le opportunità professionali che sono offerte ai giovani mediante i bandi dei concorsi; l’integrazione fra l’Esercito Italiano e la Società, e la funzione dual-use della F. A..

             

                   

                 

pubb. 31/05/18



MINISTERO DELLA DIFESA
DIVISIONE “ACQUI”
Ufficio Pubblica Informazione
____________________________________
COMUNICATO STAMPA

        Cambio alla Divisione “Acqui”
Il Generale di Divisione Vittiglio cede l'incarico di Comandante della Divisione "Acqui" al Generale di Divisione Polli

San Giorgio a Cremano, 16 gennaio 2018. Si è svolta questa mattina, nella sala polifunzionale della Caserma “Cavalleri” di San Giorgio a Cremano il cambio del Comandante della Divisione “Acqui”. Il Generale di Divisione Antonio Vittiglio ha ceduto il Comando al Generale di Divisione Fabio Polli. Alla cerimonia, presieduta dal Comandante del Comando delle Forze Operative Sud, Generale di Corpo d’Armata Francesco Luigi De Leverano, erano presenti il Consigliere della Regione Campania, On. Carmine De Pascale, il Vice Sindaco di Napoli, dott. Raffaele Del Giudice, il Sindaco di San Giorgio a Cremano, dott. Giorgio Zinno, oltre ad altre autorità civili e militari della città, oltre alla partecipazione dell’Associazione Nazionale Reduci della Divisione "Acqui" Sezione Campania e delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma degli alpini, artiglieri, bersaglieri, paracadutisti, genieri e trasmettitori.
Il Generale Vittiglio, nel discorso di commiato, ha ricordato ai presenti: “dopo oltre tre anni di permanenza mi appresto a lasciare il comando della Divisione “ACQUI” con la consapevolezza, l’onore e l’orgoglio di aver guidato una gloriosissima Grande Unità Complessa che ha raccolto e vinto le importanti sfide presentatesi in questo lungo periodo, grazie all’incessante e diuturno impegno profuso da tutti Voi. Questo intenso periodo è stato caratterizzato, soprattutto nell’ultimo anno, da profonde innovazioni legate anche al processo di riorganizzazione della Forza Armata, che hanno comportato l’incremento delle competenze attribuite ed il contestuale inserimento della Divisione “ACQUI” in un nuovo ed importantissimo scenario operativo. Dal 5 luglio 2016 la Divisione ha ampliato la propria famiglia assumendo alle dirette dipendenze, oltre al Reparto Comando e Supporti Tattici della Divisione “ACQUI”, contestualmente elevato a livello ordinativo reggimentale, anche le seguenti Brigate: “Granatieri di Sardegna”, “Aosta”, “Pinerolo”, “Sassari” e “Garibaldi”. Grandi Unità che con il loro prezioso operato, sia in territorio nazionale sia negli scenari di crisi internazionali, hanno contribuito in maniera determinante ad accrescere il lustro della Divisione.”
Il Generale di Corpo d’Armata De Leverano, durante il suo discorso, ha confermato gli eccellenti livelli addestrativi e operativi raggiunti dalla sua pedina operativa, in particolare, da quando la Divisione ha assunto la responsabilità dell’approntamento e dell’addestramento delle 5 Brigate del Sud Italia e Isole Maggiori ( Brigata Aosta, Granatieri, Pinerolo, Sassari e Garibaldi). Per oltre tre anni, sotto la guida del Generale Vittiglio, la Divisione “Acqui” ha confermato l’elevata capacità raggiunta nel poter pianificare e condurre operazioni, non solo in ambito nazionale, ma anche in contesti spiccatamente interforze e multinazionali, sia a guida NATO che a guida Unione Europea, in particolare durante l’esercitazione “Arcade Fusion ‘14”, “Acqui ‘15”, la “Valeria Victrix ‘16” e la “Steel Barrier ’17”.
Il Generale di Divisione Fabio Polli, proviene dalla Divisione Friuli in Firenze, dove ha ricoperto l’incarico di Capo di Stato Maggiore e successivamente quello di Vice Comandante. Nel corso della carriera, il Generale Polli ha partecipato alle operazioni IBIS in Somalia, UNTSO in Israele-Libano, KFOR in Kosovo, Antica Babilonia in Iraq, UNIFIL in Libano ed infine all’operazione Ippocrate in Libia.
I futuri appuntamenti, per il neo Comandante la Divisione “Acqui”, Generale Polli, saranno: l’esercitazione Arcade Fusion della NATO che si svolgerà nel prossimo autunno; le esercitazioni nazionali, che vedranno impegnate le brigate dipendenti nella condotta e nella pianificazione di operazioni militari.

pubb 16/01/2018

74° Anniversario dell’Eccidio di Cefalonia e Corfù

15° Anniversario della Ricostituzione in San Giorgio a Cremano

Origini, Storia e Rinascita di Una Leggenda

La Grande Epopea della Divisione “ACQUI”, la Nostra Storia

Settembre 1943 - settembre 2017  -   Settembre 2002 – Settembre 2017

IL CORAGGIO DI SCEGLIERE

Al principio eran reclute e non erano in tanti
Ma animati da ardore eran giovani e Fanti
La storia dell’”Acqui” così ebbe inizio
Ma rischiò di finire con l’armistizio
 
Una lunga epopea che riluce da secoli
Con grande tenacia al servizio dei popoli
In tante battaglie dalla “Grande Guerra”
Soffrendo e lottando per la sua Terra

Poi l’8 settembre il tragico destin
Incalzava spietato il Generale Gandin
Eran Soldati non cercavan la Gloria
Ma il loro destino era la Storia
 
Lottarono a lungo e con gran fervore
Scelsero tutti la Patria e l’Onore
L’ “Acqui” subì una sorte tremenda
Sembrava finita la sua leggenda

Poi un bel dì fu solenne l’impresa
Per il Comando Forze di Difesa
Con grande onore, orgoglio e passione
Accolse la rinata Divisione
 
La “Acqui” così riprese il suo volo
Nobile e austera nel suo nuovo ruolo
Pianificazione e proiezione
Furono il credo della Divisione
 
Oggi rivive I valori più veri
Nella storica sede la “Cavalleri”
Le cinque Brigate e I suoi Reggimenti
In ogni Missione son sempre presenti
 
Studio e Dottrina con grande passione
Un solo obbiettivo la Formazione
Addestramento costante e più duro
In Operazioni successo sicuro

Noi affrontiamo le nostre battaglie
Con il sostegno di Patria e famiglie
Spirito di corpo sempre più forte
Cantiamo più uniti “Stringiamci a coorte”

Leale, silente e operosa
Ovunque e per sempre la “Acqui” sarà
Audace, eterna e impetuosa
Una grande risorsa per l’umanità

Con grande  orgoglio
 
  Primo Maresciallo Antonio MONACO
    (COMANDO Divisione “ACQUI”)

MINISTERO DELLA DIFESA
COMANDO DIVISIONE “ACQUI”
Ufficio Pubblica Informazione

_____________________________________
COMUNICATO STAMPA
Si è conclusa l’esercitazione multi-arma a guida Comando Divisione “Acqui” denominata “Steel Barrier 17” Torre di Nebbia (BA), 01 dicembre 2017. 

È terminata l'esercitazione denominata  "Steel Barrier 17", l'impegno addestrativo che il COMFOTER COE, per l'anno 2017, ha assegnato al Comando delle Forze Operative del Sud ed alla sua unità operativa, la Divisione "Acqui". La "Steel Barrier 17" a guida e condotta dalla D. Acqui, è un'esercitazione multi-arma alla quale sono state federate altre esercitazioni quali la 2^ Sessione di Integrazione Operativa della Brigata "Pinerolo"(SIO), il "Joint Rapid Reaction Force" della Brigata "Aosta" e "LRF" dei reparti della Brigata "Garibaldi", la "Shardana" del Comando Artiglieria, la "Torre Romana Marconi" del Comando Trasmissioni, la "Smart Sapper" del Comando Genio ed infine la "Tormenta Muralia" della Scuola di Fanteria. 
Lo stretto coordinamento tra tutti i Posti Comando - schierati in diversi poligoni e aree addestrative del territorio nazionale tra Torre di Nebbia, Capo Teulada, Monteromano, Piacenza, Cesano di Roma, Torre Veneri e Persano - ha permesso di esercitare simultaneamente sullo stesso scenario operativo più livelli ordinativi, con forze schierate sul terreno, nella condotta di operazioni ad alta intensità, nel rispetto della dottrina e delle procedure della NATO nell'ambito di una simulata Forza Militare di Intervento in un'area di crisi, a seguito di una forte situazione di instabilità e della minaccia concreta all'integrità territoriale di uno Stato dell'Alleanza Atlantica. 
In tale ambiente, la "Steel Barrier 17" ha rappresentato una grande opportunità di coordinamento e confronto che ha permesso di elaborare ed approfondire concetti dottrinali in costante evoluzione come il Battle Space Management, il Targeting e l'impiego in operazioni del Joint Fire Support Element (JFSE), nonché l'impiego delle Unità di Combat Support e Combat Service Support, sfruttando simultaneamente le nuove tecnologie e i moderni sistemi d'arma sviluppati nell'ambito del progetto Forza NEC. In particolare la 2^ Sessione di Integrazione Operativa (SIO) 2017, condotta dalla Brigata "Pinerolo" nell'ambito della Campagna di Sperimentazione del progetto Forza NEC (Network Enabled Capability), progetto congiunto Difesa-Industria, ha avuto lo scopo di acquisire un'effettiva capacità di operare in modo completamente digitalizzato, utilizzando i sistemi di Comando e Controllo, mezzi tattici nonché equipaggiamenti individuali, acquisiti nell'ambito del programma denominato "Soldato Futuro". 
La "Steel Barrier 17" ha molteplici elementi di connessione con lo scenario che ha visto impegnata la Divisione "Acqui" anche durante la scorsa esercitazione "Arrcade Fusion 17" in Inghilterra, attività internazionale a guida del Corpo d'Armata di Reazione Rapida britannico della NATO (ARRC-UK), al quale l'Acqui è da anni affiliata.
     

   

     

 

pubbl. 04/12/17

MINISTERO DELLA DIFESA

COMANDO DIVISIONE “ACQUI”

Ufficio Pubblica Informazione

_____________________________________

COMUNICATO STAMPA

Seminario su “La cultura corazzata”

Alla Divisione "Acqui" si discute sullo stato delle forze corazzate dell’Esercito















​
San Giorgio a Cremano (NA) 24 marzo 2017. Si è svolto nei giorni scorsi, presso la Divisione “Acqui” di San Giorgio a Cremano, il seminario sulla “Cultura Corazzata”, organizzato su delega del Comando Forze Operative Sud, nell’ambito della missione 
assegnata alla Divisione "Acqui" per l’anno 2017.

Hanno partecipato al seminario il Comandante Logistico dell'Esercito, Generale di Corpo d'Armata Leonardo Di Marco, il Comandante del COMFOTER-COE, Generale di Corpo d'Armata 
Riccardo Marchiò, oltre ai vari relatori di pregio della Forza Armata.

All'apertura dei lavori il Generale De Leverano e il Generale Vittiglio hanno illustrato gli interrogativi che hanno portato a riflettere sul concetto, più ampio, di
“Cultura Corazzata” delle unità del nostro Esercito, sui fattori che la minano o, al contrario, la realizzano.

Il Comandante dell’Accademia Militare di Modena, Generale di Divisione Salvatore Camporeale, decano 
dei carristi, ha illustrato in particolare come si insegna ai giovani allievi Ufficiali la scelta per una vita da corazzati. Il seminario sulla “Cultura Corazzata” si è posto quale importante momento di scambio di conoscenze/esperienze e di “open discussion”, con l’intervento di diversi relatori, di addetti ai lavori e di working group dedicati allo sviluppo di diverse tematiche di riferimento.

Durante il seminario sono stati attivati differenti "syndicate", che hanno trattato i temi relativi alla componente corazzata, dall'impiego operativo, alle
possibilità 
di addestramento, alla capacità logistica ed a quella formativa, con riferimento anche all’esperienza di altri paesi europei grazie al contributo dell’Ufficiale di collegamento inglese effettivo alla Divisione "Acqui".

Il lavoro finale prodotto dai syndicate costituirà la base per la successiva elaborazione di vademecum, Standard Operation Procedure (SOP) ed hand-book, che saranno ulteriormente approfonditi in fase di Training Test nei diversi campi d’arma svolti dalle unità corazzate.

Il Generale Di Marco si è complimentato con tutto il personale per l'ottimo lavoro svolto ed ha invitato i 

partecipanti a “continuare nello sviluppo di una futura dottrina di Forza Armata”.

Il Generale De Leverano, a chiusura del seminario, ha ringraziato il Comandante della Divisione Acqui ed il suo staff per aver sviluppato ed assolto uno degli obiettivi del 2017 ed ha evidenziato "la necessità a mantenere il binomio fanteria e cavalleria, il carro armato non può stare da solo. 

Pertanto il cingolo rimane il centro di gravità di questo binomio. Inoltre, bisogna investire sui giovani, utilizzando procedure snelle e pensando di creare piattaforme integrate ai mezzi”.

MINISTERO DELLA DIFESA
COMANDO DIVISIONE “ACQUI”
Ufficio Pubblica Informazione

_____________________________________
COMUNICATO STAMPA
Il Fante Vincenzo Sepe reduce dell’eccidio di Cefalonia e Corfù riceve
la medaglia della liberazione 



Fondi (LT), 23 dicembre 2016 – Oggi presso la Sala Convegni del Palazzo Caetani di Fondi c’è stata la cerimonia in onore del Fante Vincenzo Sepe, reduce e superstite dell’eccidio di Cefalonia e Corfù, in occasione del compimento dei suoi 100 anni.
Il 10 Giugno 1943 Vincenzo Sepe raggiunse, con il 18° Reggimento Fanteria Acqui, reparto di appartenenza, l’isola greca di Corfù, dove, a seguito dell’armistizio dell’8 Settembre, vi furono violenti scontri a fuoco con le truppe tedesche. Sepe fu deportato nei campi di prigionia prima in Germania dal 23 Settembre 1943 al 9 Ottobre 1944, e poi fu imprigionato in Russia dal 9 Ottobre 1944 al 13 Novembre 1945. Il 10 Gennaio 1981 gli è stata conferita la Croce al merito di Guerra per l’internamento in Germania.
Alla cerimonia hanno preso parte il Prefetto di Latina dott. Pierluigi Faloni, il Vice Comandante della Divisione “Acqui”, Generale di Brigata Francesco Principe ed il Comandante del Reparto Comando e Supporti Tattici “Acqui”, Colonnello Vincenzo Fiore, con una rappresentanza militare sia della attuale Divisione “Acqui” sia del suo reparto dipendente.
Particolare solennità ha assunto la cerimonia perché il Prefetto di Latina, ha consegnato al sig. Vincenzo Sepe la Medaglia della Liberazione conferita dal Ministero della Difesa per coloro i quali hanno partecipato alla Resistenza e alla Guerra di Liberazione.
Il Sindaco di Fondi dott. Salvatore De Meo ha donato al proprio concittadino una targa ricordo in segno di riconoscimento «per l’eroismo patriottico espresso in nome dei valori eterni della libertà e della giustizia e per un’intera vita di operosa e limpida rettitudine». Una delegazione dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) di Latina ha consegnato al reduce fondano la tessera ad honorem dell’Associazione Partigiani.
Inoltre alla cerimonia hanno partecipato rappresentanze di alunni degli Istituti Comprensivi cittadini della cittadina, ciò a dimostrazione del forte legame esistente tra il passato ed il presente.
Alla luce dei rapporti di stretta collaborazione cementati negli anni con i reduci della Divisione “Acqui” ed il personale effettivo all’unità odierna dimostra come sia forte il legame storico che mantiene le tradizioni tra il passato ed il presente.
In virtù della sua nuova configurazione, il Comando Divisione “Acqui”, assume sempre più un ruolo di fondamentale importanza nell’approntamento dei soldati sia per il controllo della sicurezza del sud Italia e isole maggiori sia per le missioni internazionali, infatti nell’ambito della sua nuova riconfigurazione, avvenuta il 05 luglio scorso, dipendono dalla divisione le 5 brigate: “GARIBALDI”, “AOSTA”, “SASSARI”, “GRANATIERI di SARDEGNA” e “PINEROLO”.

Rassegna Fotografica della Cerimonia