Eventi

Chi siamo
Le insegne
la storia
Bibliografia
Link
La mostra

Lo statuto
Eventi
e-mail
News
Lettere al sito
Elenco  caduti
Reduci viventi
Le Medaglie
R. Giuridico
 Immagini
Filmati
Medaglia d'Onore
Chi lo conosce?
Reduci morti in patria
Storie
Storico eventi
Tesi tesine
lavori ragazzi
La D. Acqui Oggi
I nostri lutti

Nuovi libri
Notiziario
Archivi documentali

Eventi

Dove e quando



Bologna 3 novembre 2019 Besana Brianza 31 ottobre 2019
Cervia (RA) 24 ottobre 2019 Moltrasio (CO) 3 ottobre 2019 Villasanta (MB) 7 Settembre 2019
Bovisio (MB) 24-25 aprile 2019 Montella (AV) 8 maggio 2019 Verona 31 maggio 2019
Parma 17 aprile 2019 Catanzaro 3 aprile 2019 Brentonico 2 marzo 2019
Padova 6 febbraio 2019 Triuggio (MB) 16 febbraio 2019 Mandello d L. 4 marzo 2019
Casamassima (BA) 9 febb. 2019
Cremona 25 gennaio 2019  Bovisio Mas. (MB) 28 gennaio 2019
  Pozzallo 29 gennaio 2019     Cavarzere (VE) 25 gennaio 2019 Verona 24 gennaio 2019












Tra l'8 e il 22 settembre del 1943, sull'isola greca di Cefalonia, si consumò il più grande eccidio che i tedeschi abbiano mai compiuto contro gli italiani. Le motivazioni della strage sono da individuare nella Resistenza dei militari dell'Esercito italiano al disarmo e alla deportazione voluta dalla Germania nazista dopo la resa incondizionata dell'Italia alle forze alleate anglo-americane. Durante gli scontri, migliaia di militari italiani persero la vita e altrettanti vennero fatti prigionieri. Tra questi vi era un fante della 33ª Divisione fanteria Acqui, il romagnolo Nello Forlivesi, che ha raccolto in un diario le memorie di quei giorni di prigionia trascorsi tra la Grecia e i Balcani. Un diario genuino, scritto con uno "slang" figlio di una istruzione appena abbozzata ma di una naturale intelligenza e di una voglia di non perdere la memoria. (dalla prefazione di Mario Proli)







































































comunicato stampa